SEARCH

Chi è Cristiano Rosacroce?

Cristiano Rosacroce è tra i personaggi più misteriosi della storia intellettuale europea. Quale mistero si trova dietro il suo nome?

“Chi è Cristiano Rosacroce?“ Se si pongono queste domande oggi, allora le domande che ne conseguono inevitabilmente sono: “È realmente vissuto quest’uomo?“; “Chi sono i Rosacroce?“ La risposta a queste domande richiede una profonda ricerca interiore della verità. Non la verità consueta dei fatti storici, ma la verità senza tempo sulla natura e il fine dell’esistenza umana.

Nel Lectorium Rosicrucianum i Rosacroce vedono in Cristiano Rosacroce un prototipo spirituale, il loro “Padre-fratello“ e fondatore dell’Ordine spirituale, e allo stesso tempo il nome del campo di forza del quale essi beneficiano. Negli scritti rosacrociani classici del Diciassettesimo secolo questo campo di forza è chiamato la “Dimora Sancti Spiritus“. Queste fonti della storia spirituale occidentale contengono riferimenti che possono toccare profondamente un cercatore della verità, e forse anche aiutarlo ad aprire una porta alla conoscenza intuitiva. È di questo tema che vuole trattare questo articolo.

Gli scritti classici dei Rosacroce

Chiunque entri in contatto con i tre scritti originali dei Rosacroce classici, si trova di fronte ad un’abboddanza di simboli ed immagini misteriose. Questi manoscritti furono pubblicati tra il 1614 e il 1616 dal teologo tedesco Johann Valentin Andreae di Calw, che era membro del cosiddetto “Circolo di Tubinga“, una fratellanza di persone spiritualmente ispirate. Questi manoscritti ci parlano di Cristiano Rosacroce e della fraternità rosacrociana. I loro tre titoli sono:
1 Fama Fraternitatis R. C. (L’appello della fraternità dei Rosacroce, 1614)
2 Confessio Fraternitatis R. C.
(La confessione della fraternità dei Rosacroce, 1615)
3 Le Nozze Chimiche di Cristiano Rosacroce
(O anche nozze “Alchemiche“, 1616)

Questi scritti furono riediti e commentati da Jan van Rijckenborgh alla metà del Ventesimo secolo. Alcuni dei testi e dei commenti originali sono disponibili sul sito web nella sezione letteratura.

Le tre descrizioni di Cristiano Rosacroce

Esistono tre principali descrizioni di Cristiano Rosacroce, che è anche chiamato “Fratello CRC“. Una descrizione è di Rudolf Steiner, la seconda si trova nella Confessio e nella Fama, e la terza si trova nelle Nozze Alchemiche. Tutte utilizzano il linguaggio dei misteri, con il quale ogni dettaglio assume un significato spirituale nascosto. Niente in questi testi è accidentale o di seconda importanza.

In questi scritti, Cristiano Rosacroce è descritto in molti modi differenti. È comunque sempre evidente la sua grande modestia ed umiltà. Egli è completamente sincero nella sua dedizione e propensione a servire. Appare al lettore come una persona che, nonostante tutte le difficoltà, segue il proprio cammino spirituale. Al tempo stesso egli appare come la luminosa personificazione del grande obbiettivo: la resurrezione dell’uomo immortale. Cristiano Rosacroce rappresenta l’incarnazione di una realtà spirituale, il prototipo dell’uomo che segue la via dell’iniziazione cristica, a proposito della quale leggiamo nel Nuovo Testamento: “È seminato corruttibile, risorge imperituro. È seminato nel disonore, risorge nella gloria. È seminato un corpo animale, risorge un corpo spirituale“. (1 Cor. 15, 43-44)

Pagina successiva

Temi correlati

Catharose de Petri, messaggera del Cristianesimo gnostico

Catharose de Petri (1902 -1990) è stata, insieme a Jan van Rijckenborgh, la guida spirituale del Lectorium Rosicrucianum, dedicandosi completamente allo sviluppo spirituale e all’espansione mondiale della Scuola Spirituale della Rosacroce d’Oro.

Di più su "Catharose de Petri, me ..."

L'incontro con Krishnamurti

Articolo sull incontro dei fratelli Leene con Krishnamurti nell’agosto 1933 nello Sterkamp di Krishnamurti a Ommen, in Olanda, pubblicato nella rivista mensile Het Rozekruis (La Rosacroce).

Di più su "L'incontro con Krishna ..."